Attraversamenti 09

Umbria
24 settembre 2009


Crisi di valori, crisi culturale, sociale, economica, politica, ambientale, umanitaria che porta ad uno stato di emergenza attuale e continuo. Emergenza come presa di coscienza. Perché non esiste “emergenza” più attuale se non la crisi che sta attraversando l’intero pianeta. L’architettura in questi contesti di difficoltà può assolvere di diritto ad un ruolo di primaria importanza, tornando a occuparsi di persone, di estetica, di etica. Non si vuole quindi offrire una panoramica sulle architetture per l’emergenza o di emergenza, intese come risposta ad una situazione estrema, o architetture insediate per motivi di urgenza, ma si vuole parlare di architettura come opportunità, per affiancare ad una situazione particolarmente difficile un ingrediente per molti avvertito erroneamente come aggiuntivo. Attraversamenti 09 proporrà come nelle passate edizioni una ricca piattaforma di discussione e di confronto: da una parte verranno presentate le “problematiche della crisi”, si porranno domande e si offriranno sguardi insoliti sul mondo dell’ architettura; dall’altra si presenterà un ventaglio di risposte progettuali provenienti da studi di architettura italiani. Tutto in un dialogo di quattro giorni tra progettisti e comunità, tra addetti ai lavori e non; fuori dagli schemi accademici e istituzionali, costruito in un clima conviviale, nell’intento di rivendicare la centralità dell' architettura nei processi di trasformazione sociale, proponendo come vera emergenza l'uscita dell'architettura dal suo ruolo di diritto ad essere luogo da e per le persone.